Crea sito
 ESCAPE='HTML'
 ESCAPE='HTML'

Che cos' e' la Tana del Lupo?

 

- La Tana del Lupo nasce come piccolo spazio virtuale che si propone di mettere a disposizione degli interessati, quei documenti, articoli, letture ed e-book che sono stati per noi fonte di riflessione ed ispirazione filosofica, magicka e spirituale. In aggiunta a questi, qualcosa di personale partorito dagli autori.

 

- La Tana del Lupo offre risorse incentrate su tematiche quali la Magi(ck)ia, Thelema, l' antropologia, la psicologia Junghiana e Reichiana, il Discordianesimo, il SubGenius, il neopaganesimo e tutto cio' che potra' ruotare attorno a queste.

 

- La Tana del Lupo si propone anche di trattare tematiche attuali quanto mai prima d' ora, ma che purtroppo, a scapito di tutti, vengono ignorate, minimizzate e credute inverosimili dai piu', forse per paura del disegno che verrebbe a configurarsi mettendo insieme i "pezzi" sparsi un po' ovunque in ogni contesto della quotidianita', sulla base di indizi VEROsimili, sotto gli occhi ed alla portata di tutti. La Tana del Lupo, nel suo piccolo, sostiene la (contro)informazione vera, senza censure, denunciando e condannando ogni strumento della societa' orwelliana e della dittatura "soft" silenziosa.

 

-La Tana del Lupo, pur restando virtuale, vorrebbe avvicinarsi ad essere un punto d' incontro piu' reale, concreto e fisico possibile. Confidiamo poco nella capacita' dei social network come facebook di saper realmente mettere in contatto le persone, specialmente oggi, divenuti dispersivi e frequentati davvero da chiunque. Senza contare poi i relativi fantastici risvolti: rinunciamo ai nostri diritti ed alla nostra privacy di nostra spontanea e ingenua iniziativa in cambio di un briciolo di popolarita' fittizia (e "virtuale" nell' accezione piu' negativa del termine), quando sono oramai da tempo ben note le capacita', i meccanismi e gli strumenti con cui le persone interessate a farlo penetrano sempre di piu' nelle nostre vite. Anche all' interno dei forum e' diventato molto difficile discutere seriamente di certi temi, senza perdite di tempo, scoperte dell' acqua calda e senza imbattersi in argomenti fritti e rifritti che pare non si sia ancora riusciti a chiarire in tutti questi anni di discussioni sul web. Per non parlare degli alias dietro cui si celano chiacchieroni, ragazzini e bugiardi, incapaci forse di sostenere una conversazione vera a tu per tu a carte e viso scoperti, o di chi attraverso un nick si crea un' identita' fittizia da gioco di ruolo da assumere perche' insoddisfatto della propria. Non vogliamo risultare polemici, siamo soltanto desiderosi di riscoprire quella sincerita', naturelezza e spontaneita' da cui purtroppo la rete, con il suo freddo distacco e con i suoi universi simulati, ci ha fatto allontanare. Ci duole ammettere che l' ottimismo e la fiducia nella tecnologia di pioneri della cybercultura da noi ammirati come Timothy Leary, William Borroughs e Robert Anton Wilson sia stata mal riposta, a fronte delle pieghe prese dalla massificazione del web (il cyberspazio) e la diffusione, palesata o silenziosa, di certe "altre" tecnologie che ci si sta rivoltando contro, schiavizzandoci invece di elevarci. I lati negativi hanno prevalso su quelli positivi. Non siamo dei retrogradi contrari alla tecnologia, ANZI, TUTTO L' OPPOSTO! Vogliamo riappropriaci di cio' che potrebbe apportare miglioramenti e perfezionarci, anziche' assoggettarci, spesso senza nemmeno rendercene conto o favorendo questo processo per avere quelle comodita' di cui non riusciamo piu' a fare a meno, sacrificando i nostri diritti. Denunciamo le lobby, i centri di potere e le multinazionali che, diffondendo le tecnologie da loro monopolizzate, hanno attuato il loro piano di controllo creando un vero e proprio panottico. E ci duole altresi' dover ammettere che purtroppo, date le premesse, il concetto di cyberspazio si sta estendendo sempre piu', arrivando a sostituire e a penetrare la realta' con un' altra realta' fittizia e simulata dove noi NON siamo i programmatori. Ci hanno rubato il cyberspazio, che doveva essere l' ultima frontiera delle liberta' di pensare e agire.

 

Non vogliamo un universo fittizio, ma una serie reale di multiversi, di cui essere artefici, dove si sia noi a scegliere per noi stessi, dove poter concretizzare le tante diverse e proprie potenzialita' senza alcun influenza artificiale tecnologica che non siano da noi volute o con apporti volitivI metamorfici che non siano quelli del proprio innato e naturale sistema biopsiconeurologico, libero, incondizionato e non assoggettato ad alcun controllo, "miglioramento", imprinting e programmazione esterni se non quelli da NOI VOLUTI, AUTOprogrammati ed AUTOindotti.

 

- La Tana del Lupo e' apolitica. Sia Anatema su tutti coloro che vogliono ricondurre la bisfrattata figura del Lupo ad ideologie estranee e combattute da questo sito e dagli autori. Pur essendo i contenuti del sito eloquenti e piu' che sufficenti a rendere superflua questa precisazione, per sicurezza, visto che la madre dei cretini e' sempre incinta ed il web pullula di maligni bugiardi perditempo, ho ritenuto opportuno precisare. - Se fra le tante teorie che sosteniamo e/o prendiamo in esame, UNA (al massimo 2 o 3) si rivelasse disgraziatamente esatta, gran parte di cio' che abbiamo qui scritto sarebbe ahinoi inutile e superfluo, cosi' com' anche le nostre finalita'. Cosi' fosse, non tutto sarebbe vano. Tramite il sito forniremo molte risposte a tutti coloro cui possono sinceramente interessare. Il Lupo vi augura buona navigazione e buona lettura.

 

Questo sito e' rivolto a tutti coloro che, come noi, sono interessati alle tematiche qui discusse e trattate. Proveremo il piu' SUBLIME, COSMICO E ORGASMICO dei PIACERI nell' ANNOIARE A MORTE I NON interessati. NON SIAMO E NON VOGLIAMO ESSERE UNA FORMA DI SPETTACOLO O INTRATTENIMENTO, LE CUI FORME D' ESPRESSIONE ATTUALI, IN LARGA PARTE, RIFIUTIAMO E NON VOGLIAMO, SPECIALMENTE SE DI TIPO MORBOSAMENTE E PATOLOGICAMENTE VOYEURISTICO ALLA GRANDE FRATELLO O PEGGIO ANCORA ALLA TRUMAN SHOW. LIBERI DI PENSARE E AGIRE SENZA ESSERE SOGGETTI ALL' ILLECITO GIUDIZIO E CONDIZIOMENTO DELLE MASSE.

 ESCAPE='HTML'

What is the Tana del Lupo?

 

-The Tana del Lupo is born as a little virtual space which is proposed to provide to the interested people those documents, articles, lectures and e-books which had been for us source of philosophical, magickal and spiritual reflection and inspiration. In addition, something personal conceived by us.

 

-The Tana del Lupo offers resources focused on topics and issues like Magick, Thelema, Anthropology, Jungian and Reichian Psicology, Discordianesim, SubGenius, Neopaganesim, and everything that can rotate about these.

 

-The Tana del Lupo is proposed to discuss also topics current than ever before now, but unfortunately, at the expenses of all, are ignored, minimized, and believed improbable by the most, perhaps fearing the design that would take shape putting together the “pieces” scattered almost everywhere in every context of everyday life, on the basis of PLAUSIBLE clues, under the eyes and within the reach of everybody. The Tana del Lupo, in its small, supports the real (counter)information, without censure, denouncing and condemning every means of the Orwellian Society and of the “soft” and silent dictatorship.

 

-The Tana del Lupo, while remaining virtual, would get close to be the most actual, concrete, and physical possible meeting point. We little rely on the facebook like social networks ability of being able to keep in contact people, especially today, having become dispersive and frequented by really everyone. Without taking into account the relative “fantastic” lapels: we renounce to our rights and to our privacy by our ingenuous and spontaneous initiative in exchange for a crumb of fictitious popularity ( and “virtual” in the most negative sense), when, for some time now, are well known the means, the abilities and the mechanisms by which the people interested in doing it, penetrate more and more in our lives. Even in the forum has become very difficult (in Italy for sure) to discuss seriously about some topics, without losing time, discoveries of the already known, and without encounter issues fried and fried again which it seems they have not been clarified yet in all these years of discussions on the web. And without mentioning the aliases behind which kids, blabbers and liars hide themselves, perhaps incapable to hold a real conversation face to face with cards on the table and unmasked, or who behind a nickname creates a role-game fictitious identity to assume because dissatisfied with his own. We do not want to come out  polemical, we’ re just eager to discover again that naturalness and spontaneity from which unfortunately the web, with its cold detachment and with its simulated universes, made us turn away. It pains us to admit that the optimism and the trust in technology of pioneers of cyberculture by us admired like Timothy Leary, William Borroughs and Robert Anton Wilson had been misplaced compared to the turn took by the web massification (the Cyberspace) and the diffusion, evident or silent, of certain “other” technologies which is turning against us, enslaving us instead of exalt us. The negative sides had prevailed on positive ones. But attention! We’ re not  retrograde opposed to technology, no, ALL THE OPPOSITE! We want to regain what should make improvements and refine ourselves, instead of subduing us, often without even being conscious or supporting this process in order to have those comforts we’ re not able to give up, sacrificing our rights. We denounce the lobbies, the centers of power and the multinational which, spreading technologies monopolized by them, had implemented the plan of control creating an actual and real panoptic. And it pains us also that we must admit that unfortunately, being these the premises, the concept of cyberspace is extending more and more, getting to replace and penetrating the reality with another fictitious and simulated reality where
we are NOT the programmers. They stole us the cyberspace, that would have to be the last frontier of the freedom of thinking and acting.


We do not want a fictitious universe , but a real series of multiverses  of which being creators, where we choose for ourselves, where we can make concrete the many different and own potentialities without any artificial technological influence which is not desired by us, or with metamorphic volitional contribution that is not one of those of our innate and natural biopsiconeurological system, free, unconditioned and not subdue to any control, “self-improvement”, imprinting and external programmation, except those WANTED BY US, SELF-programmed and SELF-induced!

 

- The Tana del Lupo is apolitical. We cast Anathema on everyone who wants to bring back the figure of the Wolf to alien ideologies fought by this site and by the authors. Even if the content of the site is eloquent and more than enough to make superfluous this clarification, for security, being the mother of the cretin always pregnant and due to the overcrowding of  maligns and liars, I thought it appropriate to clarify.

 

- If amongst the many theories we support and/or we examine, ONE (at most 2 or 3) would proves unfortunately exact, the most part of what we’ ve written here would be, alas, useless and superfluous, just like our purposes. If that were, not all would be in vain. Via the website we will provide many answers to all those who may concern.

 

The wolf wishes you to have a nice staying on the site, good navigation and to have a good reading…


This site is addressed to everyone who, like us, is interested to the issues here discussed and covered. We’ re gonna feel  the most SUBLIME, COSMIC AND ORGASMIC PLEASURE in  GETTING BORED TO DEATH THE NOT INTERESTED ONES. WE AREN’ T AND WE DO
NOT WANT TO BE A FORM OF ENTERTAIMENT OR SHOW, WHOSE CURRENT EXPRESSION FORMS LARGELY WE REFUSE AND DON’ T WANT, ESPECIALLY IF OF MORBIDLY AND PATHOLOGICALLY VOYEUR KIND IN BIG BROTHER STYLE, OR, WORSE, IN TRUMAN SHOW STYLE. FREE TO THINK AND ACT WITHOUT BEING SUBJECT OF THE ILLECITE JUDGEMENT AND CONDITIONING OF THE MASSES.

 ESCAPE='HTML'
 ESCAPE='HTML'
 ESCAPE='HTML'