Crea sito
 ESCAPE='HTML'

 

di Mark Chao

 

 ESCAPE='HTML'
 ESCAPE='HTML'

Introduzione

 

Il termine “Chaos”, secondo l’ Oxford English Dictionary, significa:

Un vuoto od un vortice spalancati, o un abisso.
Il “vuoto senza forma” della materia primordiale, la “grande profondità” o “abisso” al di fuori del quale il cosmo o l’ ordine dell’ universo si è evoluto.

Queste sono una coppia di definizioni supplementari, ma totalmente irrilevanti per questa discussione. Quando il Chaos è usato in Magia, non c’ è posto per la confusione o il disordine

Il Chaos è il principio creativo aldilà di tutta la Magia. Quando viene celebrato un rituale magico, senza tenere conto della “tradizione” o ddi altre variabili negli elementi in gioco, viene creata un’ energia magica e messa in azione per causare a qualcosa di accadere. Nel suo libro,Sorcery as Virtual Mechanics Stephen Mace cita un precedente scientifico per questo principio creativo.

Cito:

Per farla semplice, confiniamo il nostro esame a due elettroni soltanto, i vettori dell’ emergia negativa. Diciamo che essi sono una parte delle particelle beta eolico-solari, per così dire – sgorgano fuori dal Sole a migliaia di miglia la secondo. Diciamo che queste due si avvicinino abbastanza da far interagire la loro carica negativa,  facendo sì che si respingano l’ un l’ altra. Come fanno a realizzare questo cambiamento di quantità di moto?

 

Secondo l’ elettrodinamica quantica , fanno questo scambiandosi un fotone “virtuale”. Un elettrone lo produce, l’ altro lo assorbe, e quindi si resingono l’ un l’ altro. Il fotone è “virtuale” perché no può esser visto da un osservatore esterno, essendo totalmente contenuto nella e dalla interazione. Ma è sufficientemente reale, e l’ interazione elettromagnetica opera con l’ emissione e l’ assorbimento di fotoni virtualiIl fatto rilevante al nostro scopo qui è capire da dove proviene il fotone. Non esce da un elettrone, e non alloggia nell’ altro, come se fosse un proiettile sparato da una roccia all’ altra. Gli elettroni stessi restano immutati, se non per la loro quantità di moto.. Piuttosto, il fotone viene creato dal nulla tramite la tensione dell’ interazione. Stando alla teoria in vigore, quando due elettroni si avvicinano, le loro forme d’ onda interagiscono, cancellandosi entrambi o rinforzandosi l’ un l’ altro. Le forme d’ onda sono intimamente legate a caratteristiche quali la carica elettrica, e potremmo quindi aspettarci che le cariche dei due elettroni cambino. Ma la carica dell’ elettrone non varia; è sempre 1.602 x (-19) coulombs. Invece, i fotoni virtuali compaiono fuori dal vuoto ed agiscono come per riaggiustare il sistema. Lo sforzo e la tensione li produce e dalla loro creazione la tensione si risolve.

 

     

Austin Spare comprese questo principio applicato ai fenomeni magici molto prima che gli scienziati scoprirono i fotoni o cominciarono gli esperimenti nell’ ambito della scienza del Chaos.

Austin Osman Spare - Cenni Storici

 ESCAPE='HTML'
 

A. O. Spare nacque a mezzanotte del 31 Dicembre 1886 in un sobborgo di Londra chiamato Snow Hill. Suo padre faceva parte della polizia di Londra, spesso facendo il turno di notte.

 

Spare mostrò di avere un talento naturale per il disegno in tenera età, e nel 1901-1904 lasciò la scuola per lavorare come apprendista in un laboratorio di vetreria a colori, ma continuò il suo percorso educativo all' Art College di Lambeth. Nel 1904 vinse una borsa di studio per il Royal College of Art. In quell' anno esibì anche un quadro alla Royal Academy per la prima volta.

 

Nel 1905 pubblicò il suo primo libro, "Earth Inerno". Venne all' inizio considerato un libro di disegni, ma includeva commentari che mostravano parte della sua introspettività  e delle sue propensioni spirituali. John Singer Sargent lò salutò come un genio all' età di 17 anni. In un periodo imprecisato della sua adolescenza, Spare fu iniziato in un culto stregonico da una stregona chiamataMrs. Patterson, che Spare considerava come come la sua "seconda madre". Nel 1908 tenne un' esibizione alla Bruton Gallery. Nel 1920 fece parte per breve tempo della Golden Dawn. Disincantato da loro, si unì in seguito all' Astrum Argentinum di Crowley. L' associazione non durò a lungo. Si diceva che Crowley considerasse Soare un Mago Nero. Nel 1909 Spare diede inizio alla creazione del "Book of Pleasure".

 

Nel 1912 la sua reputazione stava crescendo rapidamente nel mondo artistico. Nel 1913 pubblicò il "Book of Pleasure". E' considerato essere la sua più importante opera magica, ed include dettagliate istruzione per il suo sistema di sigillazione e per la "posizione della morte" per i quali è ben nota. Tra 1914 ed il 1918 occupò il ruolo di artista di guerra ufficiale. Venne spedito in Egitto, che ebbe un grande effetto su di lui. Nel 1921 pubblicò "Focus of Life", un altro libro di disegni fornito dei suoi unici magici commentari. Tra il 1921 ed il 1924 Spare era all'apice  del suo successo artistico, poi, nel 1924, pubblicò "L' Anatema di Zos", nel quale di fatto scomunicava sé stesso dai suoi fasi e modaioli amici e benefattori. Tornò nella Londra Meridionale ed all' oscuritò per trovare la libertà di sviluppare la sua filosofia, la sua arte, e la sua magia.
Nel 1947 Sparte conobbe Kenneth Grant e si coinvolse attivamente con altri ben noti occultisti del periodo. Tra  il 1948 ed il 1956 diede inizio al grimorio definitivo del culto di Zos Kia, di cui parla nei sui vari scritti. E' rimasto incompiuto ed è stato sintetizzato nei documenti di kenneth Grant, che ereditò tutte le carte di Spare. Molte di queste informazioni furono incluse in "Immagini ed Oracoli di Austin Osman Spare" di Kenneth Grant, ma ci sono alcune opere inedite che Grant programmò di pubblicare dopo aver concluso la serie Typhoniana.

   

Questa sezione fa riferimento principalmente all' introduzione di Cristopher Bray a "The Collected Works of Austin Osman Spare" e da "excess Spare", che è una compilazione del Temple Ov Psychic Youth di articoli fotocopiati in merito a Spare da varie fonti.

La Magia di Austin Osman Spare

 ESCAPE='HTML'

L’ arte e la magia di Spare erano strettamente connesse. Si reputa che vi siano messaggi nascosti nei suoi disegni in merito alla sua filosofia. E’ stato riportato che un particolare ritratto di Mrs. Patterson sia stato visto muoversi; gli occhi aprirsi e chiudersi. Spare è specialmente conosciuto per il suo sistema dell’ uso dei sigilli. Essendo un artista, era molto orientato in senso visivo.

 

Di base il sistema consiste di scrivere il desiderio, preferibilmente nel vostro alfabeto magico preferito, eliminando tutte le lettere che si ripetono, formando il disegno delle singole lettere restanti. Il sigillo deve essere caricato. Vi è una varietà di modi specifici per farlo, ma l’ elemento chiave è quello di raggiungere uno stato di “vuoto” che può essere raggiunto tramite lo sfinimento, rilascio sessuale, o diversi altri metodi.

 

Ciò crea un “risucchio” o “vuoto” molto simile alla condizione descritta nell’ introduzione a questa discussione, e viene riempito dell’ energia del mago. Il sigillo, essendo ora caricato, deve essere dimenticato così che la mente subconscia possa lavorare su di esso senza le distrazioni o le dissipazioni dell’ enegia della mente conscia cui è soggetta. Spare riconosceva che la magia provenisse dalla mente subconscia del mago, non fuoro da qualche “spirito” o “dio”.

 ESCAPE='HTML'

Cristopher Bray ha in sostanza da dire questo in merito ai metodi nella sua introduzione a The Collected Works of Austin Osman Spare':  

 

Sia con la sua arte ed i suoi scritti, Spare ci stimola: o mostrando con l' esempio quale atteggiamento abbiamo bisogno di adottare per avvicinarci all' angolo di partenza della coscienza per entrare nell' infinito. Di quale stato di coscienza abbiamo bisogno per avere successo.

"Si deve stare attenti a dogmatizzare, poiché Spare giunse a grandi dipinti per escludere il dogma il più possibile per ottenere il successo in magia. In ognio caso, un una quantità di assunti base sostiene la Chaos Magick."

Il Chaos  è il potenziale universale della forza creativa, che è costantemente impegnato nel tentativo di penetrare attraverso le fessure delle nostre realtà personali e collettive. E' il potere dell' Evoluzione/Involuzione.

Lo sciamanesimo è innato all' interno di ognuno di noi e può essere sfruttato se ci qualifichiamo regolando la nostra percezione/atteggiamento e rendiamo il nostro essere pronto ad accettare lo spontaneo. Ottenendo la Gnosi, o colpendo l' "angolo di partenza della coscienza e del tempo" è unna facoltà più che un' abilità.

 

Ci sono altri metodi per utilizzare los tesso concetto che Spare ci espone. I maghi venuti dopo Spare hanno scritto dei propri metodi e delle espansioni dei propri metodi abbastanza di frequente nelle riviste di occultismo, prevalentemente in Gran Bretagna. Spare è di sicuro non la prima persona nel storia che praticò questo tipo di magia, ma è l' unico ad averle dato un nome (appropriato), Chaos.

 

Il Chaos dopo Spare

Austin Spare morì il 15 Maggio del 1956, ma la sua magia non è morta con lui. Ci sono stati gruppi selezionati di maghi che praticavano versioni dle Chaos a partire da allora, specialmente nell' I§nghilterra Settentrionale ed in Germania. Nei tardi anni '70 Ray Sherwinera editore e pubblicatore di una rivista chiamata "Th New Equinox". Pete Carroll era un  collaboratore regolare del giornale, e insieme, a causa dell' insoddisfazione della scena magica in Gran Bretagna e del tempo, fondarono gli "Illuminati di Thanateros". Si pubblicizzarono nel "New Equinox" ed il gruppo si formò. Parte dell' intenzione del gruppo era di avere un Ordine dove i Gradi equivalessero ai raggiungimenti attenuti piuttosto che all'autorità, e la gerarchia aldilà non esisteva, sussistevano solo i requisiti  organizzazionali.

Ad un certo punto, intorno al 1986, Ray Sherwin si "scomunicò" perché sentiva che l' Ordine stava scivolando nella struttura di potere che avveva cercato di evitarecon questo gruppo, e Pete Carroll divenne noto come il leader del "Patto". Gli IOT continuano a prosperare e si identificano come la sola organizzazione Caotica internazionale. Gli IOT si sono diffusi anche in Americam ed ha quartier generali a Encino, California e ad Atlanta, Georgia.
 

Ci sono gruppi più piccoli di Chaoti, così come altri che lavorano individualmente. A partire da Spare il Chaos  ha assunto una vita propria. E continuerà a crescere, com' è nella sua natura. Era naturale che alla fine il mondo della scienza avrebbe cominciato a scoprire i principi fisici che stanno al di sotto della magia, sebbene gli scienziati che stanno facendo queste scoperte ancora non comprendono che è questo ciò che stanno facendo: darci ragione. E' interessante che siano stati così saggi da chiamarla "Scienza del Chaos"…

La Scienza del Chaos

La moderna scienza del Chaos nacque negli anni '60 quando una manciata di scienziati dalla mentalità aperta con occhio per il modello realizzarono che una semplice equazione matematica immessa in un computer avrebbe potuto elaborare modelli altrettanto irregolari e "chaotici" come una cascata. Furono capaci di applicare ciò ai modelli metereologici, linee costiere, ogni sorta di fenomeno naturale. Equazioni particolari sarebbero risultate come immagini simili a specifici tipi di foglie, le possibilità erano incredibili. Vennero fondati centri ed istituti specializzati in "dinamiche non lineari" e "sistemi complessi" I fenomeni naturali, come le macchie rosse di Giove, potevano ora essere compresi. I comuni termini di cui la maggior parte della gente aveva cominciato a sentir parlare a partir da ora; strani attrattori, frattali, ecc., sono connessi allo studio della turbolenza in natura. Non c' è spazio per addentrarsi in profondità con questi temi, e consiglio a coloro che sono interessati a quest' argomento "Chaos: making a new science di James Gleick e "Turbulent Mirror" di  John Briggs & F. David Peat.

   

Ciò che tratteremo qui è come tutto questo sia connesso alla magia. Molti maghi, specialmente i Chaos Magisti, hanno cominciato a servirsi di questi termini, "frattale" e "strano attrattore", nelle loro conversazioni quotidiane. Molti di coloro che se ne servono hanno una comprensione base della relazione tra la magia e quest' area della scienza. Per farla semplice, un mago che ha sucesso provoca la causa di un risultato  in apparenza acausale. Studiando la turbolenza, gli scienziati del Chaos hanno realizzato che i fenomeni apparentemente acausali in natura non sono soltanto di norma, ma sono misurabili mediante semplici equazioni matematiche. L' irregolarità è la vita della sostanza di cui è composto. Ad esempio, nello studio dei ritmi dei battiti cardiaci e dei modelli delle onde cerebrali, vengono misurati modelli irregolari dagli organi in normale funzionamento, mentre invece, i modelli regolari sono un diretto sintomo di un attacco di cuore in procinto di avvenire, o di una crisi epilettica. Tornando indietro ai fotoni "virtuali", un rilascio magico di energia eseguito correttamente crea una "forma d' onda" (visibile con la Kirlian Camera) attorno al mago causando turbolenza nello spazio eterico. Questa turbolenza provocherà similmente un risultato, preferibilmente così come il mago aveva programmato. Una volta che l' energia viene rilasciata, il controllo sui fenomeni è fuori dalle mani del mago; proprio come una volta che l' equazione viene immessa nel computer, il disegno segue il sentiero programmato per esso.

 ESCAPE='HTML'

Gli scienziati che stanno operando in questo campo deriderebbero questa spiegazione, non hanno idea di far parte del processo di scoperta della fisica che sta dietro la magia. Ma allora, molti luoghi comuni scientifici di oggi, la chimica ad esempio, era un tempo considerata magia. LA comprensione di questo tema richiede, oltre ad alcune letture, un cambiamento di pensiero. Veniamo educati sin dalla tenera età a pensare in termini lineari, ma la natura ed il Chaos all' interno di essa è non-lineare, e richiede quindi un modo di pensare non-lineare per essere compresa. Ciò sembrerebbe facile, e mi ricorda anche un corso di logica che seguii al college. Stavamo discutendo di semplice sillogismo Aristotelico. Tutto ciò che dovevamo fare era di mettere il linguaggio quotidiano in forma di equazione. Sembra semplice, e lo è. In ogni caso, richiede un processo di pensiero non-lineare. Durante quella lezione, nell' arco di una settimana, gli studenti passarono ad essere 9 da 48. I programmatori di computer furono i primi ad andarsene. Quelli che fra noi sopravissero a quella sezione, continuarono a guadagnare volti alti in quel corso, ma, cos più importante, scoprimmo di aver raggiunto un cambio permanente nel nostro processo do pensiero. Le nostre vite cambiarono da quel semplice cambiamento di prospettiva.

 

La scienza del Chaos è ancora in fase di scoperta, eppure i maghi sono rimasti ad applicare i suoi principi almenol fintanto che hanno scritto di magia. Una volta che i principi di questa scienza cominciano a prendr piede nei processi di pensiero, il mago comincia a notare ogni cosa, dal modello a frattale nel fumo che sale da una sigaretta, ai modelli di successo e di fallimento nel lavoro magico, che porta ala comprensione del perché ha avuto successo o fallito.

 

Definire la Chaos Magick

 ESCAPE='HTML'

Il Chaos non è in sè un sistema o una filosofia. E' piuttosto un atteggiamento che si applica alla propria magia e filosofia. E' alla base di tuttalaa magia, essendo la primaria forza creativa. Un Chaota apprende una varietà di tecniche magiche, solitamente tante quante riesce a rinvenire, ma guarda aldilà dei sistemi e dei dogmi verso la fisica che sta dietro la forza magica e si serve di qualsiasi metodo lo attragga. Il Chaos non proviene da un grimorio specifico o da serie prescritta di etiche. Per questo motivo è stato soprannominato "Cammino della Mano Sinistra" da alcuni che scelgono di non comprendere che è una questione che va oltre oltre il loro sentiero prescelto. Non vi è una serie di incantesimi specifici che vengono considerati essere "Incantesimi della Chaos Magick". Un Chaota si servirà  degli incantesimi così di altri sentieri, così come quelli da lui costruiti. Qualsiasi metodo ed informazione è valido, il solo requisito è che funzioni. Assumere il controllo della mente subconscia nelle operazioni magiche è la chiave di tutto, e lo stato chiamato "Vacuità" da Spare è la strada per quel fine. Chiunque abbia partecipato in un rituale coronato da successo deve aver fatto esperienza di qualche grado di questo "stato di coscienza alterato" che questo stato induce.

         

Una comprensione dei principi scientifici che stanno aldilà della magia non richiede necessariamente una laurea in fisica, l' esperienza di risultati magici condurrà alla comprensione necessaria.

 

Quest' articolo è diretto verso il crescente numero di persone che si sta chiedendo: "Cos'è la Chaos Magick?". E' basilare e tutt' altro che inteso ad essere una completa spiegazione di qualunque degli elementi discussi. Molti dei principi della magia devono essere scoperti da sé, il mio solo scopo qui è di provare a definire ed unire i vari elementi associati alla Chaos Magick in un unico quid intelligibile. A coloro che desiderano scoprire di più in merito a questo argomento, ho preparato una lista di letture consigliate per l' ultima sezione; in ogni caso, enfatizzo sul fatto che vi siano sempre molte più fonti di quante una persona ne conosca, quindi, non limitatevi a questa lista. Il Chaos non ha limiti…

 

Ulteriori letture:  

1- The Book Of Pleasure by Austin Osman Spare
2- Anathema Of Zos by Austin Osman Spare
3- A Book Of Satyrs by Austin Osman Spare
4- Images and Oracles of Austin Osman Spare by Kenneth Grant
5- The Early Work of A.O.S
6- Excess Spare
7- Stations In Time

Disponibili in molte librerire (almeno per ordine speciale - in UK & States):

1- Chaos: making a new science by James Gleick
2- Turbulent Mirror by John Briggs & F. David Peat
3- Liber Null & Psychonaut by Peter J. Carroll (Il liber MMM che lo compone è sto tradotto dalla Tana del Lupo, il resto arriverà...)
4- Practical Sigil Magick by Frater U.D

 

 ESCAPE='HTML'

 ESCAPE='HTML'

Introduction

 

Chaos, according to the `Oxford English Dictionary' means:

  • A gaping void, yawning gulf, chasm, or abyss.
  • The `formless void' of primordial matter, the `great deep' or 'abyss' out of which the cosmos or order of the universe was evolved.

 

There are a couple of additional definitions, but they are irrelevant to this discussion. When chaos is used in magic, there is no place for con- fusion or disorder.

Chaos is the creative principle behind all magic. When a magical ritual is performed, regardless of `tradition' or other variables in the elements of performance, a magical energy is created and put into motion to cause something to happen. In his book, `Sorcery as Virtual Mechanics', Stephen Mace cites a scientific precedent for this creative principle.

 

I quote:

  

"To keep it simple, let us confine our example to just two electrons, the pointlike carriers of negative charge. Let us say they are a part of the solar wind--beta particles, as it were--streaming out from the sun at thousands of miles a second. Say that these two came close enough that their negative charges interact, causing them to repel one another. How do they accomplish this change in momentum?

 

    "According to quantum electrodynamics, they do it by exchanging a "virtual" photon. One electron spawns it, the other absorbs it, and so do they repel each other. The photon is "virtual" because it cannot be seen by an outside observer, being wholly contained in the interaction. But it is real enough, and the emission and absorbtion of virtual photons is how the electromagnetic interaction operates.

    "The question which is relevant to our purpose here is where does the photon come from. It does not come out of one electron and lodge in the other, as if it were a bullet fired from one rock into another. The electrons themselves are unchanged, except for their momenta. Rather, the photon is created out of nothing by the strain of the interaction. Accord- ing to current theory, when the two electrons come close their waveforms interact, either cancelling out or reinforcing one another. Waveforms are intimately tied to characteristics like electric charge, and we could thus expect the charges on the two electrons to change. But electron charge does not vary; it is always 1.602 x (-19) coulombs. Instead the virtual photons appear out of the vacuum and act to readjust the system. The stress spawns them and by their creation is the stress resolved".

 

Austin Spare understood this principle in regard to magical phenomena long before scientists discovered photons or began experiments in the area of chaos science.

 

Austin Osman Spare - Some History

 ESCAPE='HTML'

Austin Spare was born at midnight, Dec. 31st, 1886 in a London suburb called Snow Hill. His father was a London policeman, often on night duty.

 

Spare showed a natural talent for drawing at an early age, and in 1901- 1904 left school to serve an apprenticeship in a stained-glass works, but continued his education at Art College in Lambeth. In 1904 he won a scholarship to the Royal College of Art. In that year he also exhibited a picture in the Royal Academy for the first time.

 

In 1905 he published his first book, `Earth Inferno'. It was primarily meant to be a book of drawings, but included commentaries that showed some of his insight and spiritual leanings. John Singer Sargent hailed him as a genius at age 17. At an unspecified time in his adolescence, Spare was initiated into a witch cult by a sorceress named Mrs. Patterson, whom Spare referred to as his "second mother". In 1908 he held an exhibition at Bruton Gallery. In 1910 he spent a short time as a member of the Golden Dawn. Becoming disenchanted with them, he later joined Crowley's Argentium Astrum. The association did not last long. Crowley was said to have considered Spare to be a Black Magician. In 1909 Spare began creation of the `Book of Pleasure'.

 

In 1912 his reputation was growing rapidly in the art world. In 1913 he published the `Book of Pleasure'. It is considered to be his most important magical work, and includes detailed instructions for his system of sigili- zation and the "death postures" that he is well known for. 1914-1918 he served as an official war artist. He was posted to Egypt which had a great effect on him. In 1921, he published `Focus of Life', another book of drawings with his unique and magical commentaries. 1921-1924 Spare was at the height of his artistic success, then, in 1924 he published the `Anathema of Zos', in which he effectively excommunicated himself from his false and trendy artistic "friends" and benefactors. He returned to South London and obscurity to find the freedom to develop his philosophy, art and magic.

 

In 1947 Spare met Kenneth Grant and became actively involved with other well-known occultists of the period. In 1948-1956 he began work on a definitive Grimoire of the Zos Kia Cultus, which is referred to in his various writings. This is unfinished and being synthesized from Spare's papers by Kenneth Grant, who inherited all of Spare's papers. Much of this information was included in `Images and Oracles of Austin Osman Spare' by Kenneth Grant, but there are some unpublished works which Grant plans to publish after completion of his Typhonian series.

 

References for this section are mostly from Christopher Bray's introduction to `The Collected Works of Austin Osman Spare' and from `Excess Spare', which is a compilation by The Temple Ov Psychic Youth of photocopied articles about Spare from various sources.

 

the Magic of Austin Osman Spare

 ESCAPE='HTML'

Spare's art and magic were closely related. It is reputed that there are messages in his drawings about his magical philosophy. One particular picture of Mrs. Patterson has reportedly been seen to move; the eyes opening and closing. Spare is best known for his system of using sigils. Being an artist, he was very visually oriented.

The system basically consists of writing down the desire, preferably in your own magical alphabet, eliminating all repeated letters, then forming a design of the remaining single letters. The sigil must then be charged. There is a variety of specific ways to do this, but the key element is to achieve a state of "vacuity" which can be done through exhaustion, sexual release or several other methods.

This creates a `vacuum' or `void' much like the condition described in the introduction to this discussion, and it is filled with the energy of the magician. The sigil, being now charged, must be forgotten so that the sub-conscious mind may work on it without the distractons and dissipation of energy that the conscious mind is subject to. Spare recognized that magic comes from the sub-conscious mind of the magician, not some outside `spirits' or `gods'.

 ESCAPE='HTML'

Christopher Bray has this to say about Spare's methods in his intro- duction to `The Collected Works of Austin Osman Spare':

 

"So in his art and writing, Spare is putting us in the mood; or showing by example what attitude we need to adopt to approach the `angle of depart- ure of consciousness' in order to enter the infinite. What pitch of con- sciousness we need to gain success.

"One must beware making dogma, for Spare went to great pains to exclude it as much as possible to achieve success in his magic; however a number of basic assumptions underpin chaos magic.

"Chaos is the universal potential of creative force, which is constantly engaged in trying to seep through the cracks of our personal and collective realities. It is the power of Evolution/Devolution.

"Shamanism is innate within every one of us and can be tapped if we qualify by adjusting our perception/attitude and making our being ready to accept the spontaneous. Achieving Gnosis, or hitting the `angle of departure of consciousness and time', is a knack rather than a skill."

 

There are other methods to utilize the same concept that Spare explains for us. Magicians since Spare have written about their own methods and expantions of his method quite frequently in occult magazines, mostly in Great Britain. Spare is certainly not the first person in history to practice this sort of magic, but he is the one who has dubbed it (appropriately), Chaos.

 

Chaos since Spare

Austin Spare died May 15, 1956, but his magic did not die with him. There have been select groups of magicians practicing versions of Chaos ever since, especially in Northern England and Germany. In the late 1970's, Ray Sherwin was editor and publisher of a magazine called `The New Equinox.' Pete Carroll was a regular contributor to the magazine, and together, due to dissatisfaction with the magical scene in Britain at the time, they formed the `Illuminatos Of Thanateros.' They advertised in `New Equinox' and a group formed. Part of the intention of the group was to have an Order where degrees expressed attainment rather than authority, and hierarchy beyond just organizational requirements was non-existent.

 

At some point, about 1986, Ray Sherwin "excommunicated himself" because he felt that the Order was slipping into the power structure that he had intended to avoid with this group, and Pete Carroll became known as the leader of `The Pact.' The IOT continues to thrive and is identified as the only international Chaos organization to date. The IOT has also spread to America, and has headquarters in Encino, California and Atlanta, Georgia.

 

There are smaller groups of Chaos practitioners, as well as individuals practicing alone. Chaos since Spare has taken on a life of its own. It will always continue to grow, that is its nature. It was only natural that eventually the world of science would begin to discover the physical principles underlying magic, although the scientists who are making these discoveries still do not realize that this is what they are doing. It is interesting that they have had the wisdom to call it chaos science...

 

Chaos Science

Modern chaos science began in the 1960's when a handful of open-minded scientists with an eye for pattern realized that simple mathematical equa- tions fed into a computer could model patterns every bit as irregular and "chaotic" as a waterfall. They were able to apply this to weather patterns, coastlines, all sorts of natural phenomena. Particular equations would result in pictures resembling specific types of leaves, the possibilities were incredible. Centers and institutes were founded to specialize in "non- linear dynamics" and "complex systems." Natural phenomena, like the red spot of Jupiter, could now be understood. The common catch-terms that most people have heard by now; strange attractors, fractals, etc., are related to the study of turbulence in nature. There is not room to go into these subjects in depth here, and I recommend that those who are interested in this subject read `Chaos: making a new science' by James Gleick and `Turbulent Mirror' by John Briggs & F. David Peat.

 

What we are concerned with here is how all this relates to magic. Many magicians, especially Chaos Magicians, have begun using these terms, "fractal" and "strange attractor", in their everyday conversations. Most of those who do this have some understanding of the relationship between magic and this area of science. To put it very simply, a successful magical act causes an apparantly acausal result. In studying turbulence, chaos scientists have realized that apparantly acausal phenomena in nature are not only the norm, but are measurable by simple mathematical equations. Irregularity is the stuff life is made of. For example, in the study of heartbeat rhythms and brain-wave patterns, irregular patterns are measured from normally functioning organs, while steady, regular patterns are a direct symptom of a heart attack about to occur, or an epileptic fit. Referring back again to "virtual" photons, a properly executed magical release of energy creates a "wave form" (visible by Kirlian photography) around the magician causing turbulence in the aetheric space. This turbulence will likely cause a result, preferably as the magician has intended. Once the energy is released, control over the phenomena is out of the magician's hands, just as once the equation has been fed into the computer, the design follows the path set for it.

 ESCAPE='HTML'

The scientists who are working in this area would scoff at this explana- tion, they have no idea that they are in the process of discovering the physics behind magic. But then, many common place sciences of today, chemistry for example, were once considered to be magic. Understanding this subject requires, besides some reading, a shift in thinking. We are trained from an early age to think in linear terms, but nature and the chaos within it are non-linear, and therefore require non-linear thinking to be understood. This sounds simple, yet it reminds me of a logic class I had in college. We were doing simple Aristotelian syllogisms. All we had to do was to put everyday language into equation form. It sounds simple, and it is. However, it requires a non-linear thought process. During that lesson over the space of a week, the class size dropped from 48 to 9 students. The computer programmers were the first to drop out. Those of us who survived that section went on to earn high grades in the class, but more importantly, found that we had achieved a permanent change in our thinking processes. Our lives were changed by that one simple shift of perspective.

 

Chaos science is still in the process of discovery, yet magicians have been applying its principles for at least as long as they have been writing about magic. Once the principles of this science begin to take hold on the thinking process, the magician begins to notice everything from the fractal patterns in smoke rising from a cigarette to the patterns of success and failure in magical workings, which leads to an understanding of why it has succeeded or failed.

 

Defining Chaos Magick

 ESCAPE='HTML'

Chaos is not in itself, a system or philosophy. It is rather an attitude that one applies to one's magic and philosophy. It is the basis for all magic, as it is the primal creative force. A Chaos Magician learns a variety of magical techniques, usually as many as s/he can gain access to, but sees beyond the systems and dogmas to the physics behind the magical force and uses whatever methods are appealing to him/herself. Chaos does not come with a specific Grimoire or even a prescribed set of ethics. For this reason, it has been dubbed "left hand path" by some who choose not to understand that which is beyond their own chosen path. There is no set of specific spells that are considered to be `Chaos Magic spells'. A Chaos Magician will use the same spells as those of other paths, or those of his/ her own making. Any and all methods and information are valid, the only requirement is that it works. Mastering the role of the sub-conscious mind in magical operations is the crux of it, and the state called "vacuity" by Austin Osman Spare is the road to that end. Anyone who has participated in a successful ritual has experienced some degree of the `high' that this state induces.

 

An understanding of the scientific principles behind magic does not necessarily require a college degree in physics (although it wouldn't hurt much, if the linear attitude drilled into the student could be by-passed), experience in magical results will bring the necessary understanding.

 

This series is directed toward the increasing numbers of people who have been asking, "What is Chaos Magic?" It is very basic and by no means intended to be a complete explanation of any of the elements discussed. Many of the principles of magic must be self-discovered, my only intent here is to try to define and pull together the various elements associated with Chaos Magic into an intelligible whole. For those who wish to learn more about this subject, I have prepared a suggested reading list for the last section, however, I must emphasize that there are always more sources than any one person knows about, so do not limit yourself to this list. Chaos has no limits...

 

For further readings

The Book Of Pleasure by Austin Osman Spare
1) Anathema Of Zos by Austin Osman Spare
2) A Book Of Satyrs by Austin Osman Spare
3)Images and Oracles of Austin Osman Spare by Kenneth Grant
4) The Early Work of A.O.S.
5) Excess Spare
6) Stations In Time

Available from most bookstores (at least by special order):

1) Chaos: making a new science by James Gleick
2) Turbulent Mirror by John Briggs & F. David Peat
3) Liber Null & Psychonaut by Peter J. Carroll
4) Practical Sigil Magick by Frater U.D.